Le vigne, coltivate a coltura ragionata

Lo Château Clos de Sarpe, gestito dalla famiglia Beyney, beneficia di una straordinaria situazione geografica , nonché di un territorio omogeneo situato sul costone argillo-calcareo di un unico versante, dalla pendenza sensibile, esposto a sud-est e denominato "l'Altopiano di Sarpe".

Pied de vignes

La coltivazione viticola è gestita e vinificata da Jean-Guy Beyney e da sua moglie Christine con passione, serietà e, soprattutto, nel rispetto totale del terreno, della vigna e dell'uva.

Lo Château Clos de Sarpe orienta e sviluppa la sua produzione sulla base di un'agricoltura controllata, senza l'aggiunta di additivi chimici e ciò nel rispetto del territorio e dei cicli naturali.


  • Superficie piantata: 3,70 ettari
  • Densità di coltivazione: 5.500 piedi/ettaro
  • Vitigni: 85% Merlot - 15% Cabernet Franc
  • Tipologie di terreno: argillo-calcareo
  • Rendimento: circa 24 hl/ettaro
  • Vendemmie: 100% manuali

Il vigneto è composto da due terzi di vigne antiche aventi da 55 a oltre 80 anni e da un terzo di vigne più recenti aventi tra 10 e 25 anni. Costone argillo-calcareo, dalla pendenza sensibile, superbamente esposto a sud/sud-est . Il terreno è morbido, ciottoloso, con un sotto-strato di fango ferroso, e ha uno spessore di 50 cm e una base calcarea molto dura. La vigna è lavorata in modo totalmente naturale.


Questo approccio va di pari passo con l'accettazione di rendimenti naturalmente molto modesti per il grande piacere dell'amante di vini eccezionali e autenticità.
La politica dello Château Clos de Sarpe non consiste nell'ottenere a ogni costo molta uva, bensì nel produrre il massimo che possa offrire la vigna in termini di uva perfetta e naturale.

Un rispetto tradizionale delle vigne: Arature, Spampanature manuali, Scacchiature, Vendemmie verdi, Sfogliature, Vendemmie naturali, selezione rigorosa.

Trattamento delle vigne: Nessun diserbante, solo aratura, nessun pesticida, insetticida o antibotritico. L'unico trattamento utilizzato nelle nostre vigne è la "poltiglia bordolese" addizionata con zolfo, nessun arricchimento sovrannaturale che implichi una crescita artificiale delle vigne a danno della loro longevità.

I vitigni: 85& Merlot, 15% Cabernet Franc.
Unire dei vini consente di esaltarne le qualità. Si tratta di una combinazione che, quando controllata, rivela la tipicità dei territori e consente a ogni vitigno di esprimersi al meglio.

Merlot

Il più giovane vitigno bordolese è presto diventato la celebrità dei vigneti per le sue note di colore, la sua morbidezza e il suo carattere fruttato. Colore, frutti rossi e tannini eleganti. Questo vitigno fine ed elegante vanta una grande rotondità, un carattere fruttato incomparabile e una nota vellutata e voluttuosa. Le sue piccole bacche nere offrono al vino note profonde, dense e sostenute color granata. Caratterizzato altresì da una palette aromatica di frutti rossi (fragola e lampone) o neri, più o meno addensati secondo le annate. Note di prugna, violetta, spezie dolci, cuoio o sotto-bosco appaiono nel corso dell'invecchiamento. Infine, sotto i suoi aspetti affascinanti e sottili, sa anche esprimere tannini eleganti dal carattere femminile e sensuale. Anche in giovinezza, il suo sapore è morbido e setoso.

Carbernet Franc

Nell'universo dei Bordeaux, aggiunge la sua rotondità, la finezza dei suoi aromi e la sua vivacità. L'alleato dei due grandi vitigni. Il Cabernet Franc si distingue per la sua finezza aromatica, i suoi aromi speziati, la sua corposità e la sua capacità di invecchiamento. Alleato del Merlot, apporta i suoi tannini eleganti con un buon potenziale d'evoluzione.

Raisin

“La vigna e il vino racchiudono grandi misteri.

Solo nel regno vegetale, la vigna ci rende intelligibile il vero sapore della terra.”

Colette

Puoi anche ordinare i vini Clos de Sarpe:

Ordina Price list 2017